Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Fuori tema: ma perchè dovremmo sentirci in colpa a far figli dopo i 35 anni?

Ogni tanto il tema dell’Italia come paese senza neonati e con mamme ormai vegliarde torna in cima all’agenda setting, un po’ come i feriti per i botti di Capodanno e gli inviti a bere di più d’estate. Purtroppo stavolta è uscito anche il tema della difficoltà a procreare, che secondo i dati del Ministero della Sanità colpisce il 20% delle coppie (anche se, secondo la mia esperienza, il dato è molto più alto). E’ chiaro che per chi desidera molto un figlio avere così tante difficoltà è un dramma, che può sfociare in depressione, sensi di colpa, crisi di rapporti ormai consolidati, conti bancari che si prosciugano dietro a medici, a volte ciarlatani, e cure varie. Ed è vero che una delle cause di questa situazione è anche il fatto che non ci si prende abbastanza cura di sè e della propria salute.

MA

Uno dei sottotitoli che spesso ricorrono, anche in questo caso, è che le donne non riescono ad avere figli perchè iniziano a desiderarli quando ormai è troppo tardi, cioè dopo i fatidici 35 anni. Dietro questa opinione, ditemi se sbaglio, io vedo una specie di accusa darwinista, del tipo: “ah, hai voluto aspettare fino ad ora? E adesso, degenerata, ne paghi le conseguenze!”. Sì, abbiamo voluto aspettare fino ad ora. Perchè abbiamo voluto studiare, fare magari un master post laurea, trovare poi un lavoro che magari fosse anche quello dei sogni o ci si avvicinasse, e lavorare sodo sodo per avere un contratto che guarda un po’ ci permettesse pure di essere indipendenti e goderci la vita. Abbiamo viaggiato, conosciuto luoghi e persone che ci hanno aiutato a capire chi fossimo. Abbiamo provato a capire e parlare lingue sconosciute, anche in senso figurato.
Se una donna arriva a fare figli oltre i 35 anni è anche perchè prima si è voluta banalmente divertire e/o ha passato giorni e notti in bianco per lavorare e/o pensare in modo creativo a come trovarsi un lavoro. E’ ingiusto farci sentire in colpa perchè abbiamo voluto vedere com’era passare un po’ di tempo senza essere nè totalmente figlie nè ancora madri. Un momento irripetibile e prezioso per capire chi sei e cosa vuoi, perchè sì, è vero che se hai una bimba come l’ho io ti diverti lo stesso con lei, e scopri nuovi mondi, esteriori e interiori, ma quella leggerezza dell’esplorazione del mondo che hai quando, anche verso i 30-35 anni, sei sola e libera non la puoi più avere quando sei mamma. Quindi, se volete aspettare dopo i 35 o i 40 per diventarlo, io non ci trovo nulla di male. La bellezza di quello che si è vissuto prima, testandosi da sole sul campo, spesso dà anche la forza e la saggezza per accettare le difficoltà.

  • Chiara |

    Ciao Davide, grazie per le tue parole. Quello che scrivi e’ verissimo, l’ho testato sulla mia pelle, come si dice. Ho spesso pensato che si dovrebbe parlare di piu’ e con piu’ franchezza di questi temi, anche perche’ mi sembra che ultimamente ci sia una sorta di pensiero unico a riguardo..un saluto a te e alla tua famiglia!

  • Davide |

    Ciao Chiara,
    la penso esattamente come te. Poco prima di sposarmi mia moglie (alle soglie dei 39 anni) mi disse: “potremmo non avere bambini, lo sai che con l’età che ho è più difficile”. Le feci un sorriso e le dissi che non doveva assolutamente preoccuparsi dell’età, ogni caso fa storia a sè, l’importante era essere sereni e non inseguire a tutti i costi un figlio che non vuole arrivare. Ho sempre pensato che lo stato mentale e psicofisico della coppia è importante, se uno vive rilassato e senza stress, vive sicuramente una vita migliore. Oggi sono passati quattro anni e mezzo dal nostro matrimonio: abbiamo una splendida bambina e un fratellino in arrivo. Siamo stati fortunati? Forse. Ho molti amici che non riescono ad avere un bimbo, quello che dico loro sempre è essere sereni, fare anche una vacanza rilassante, e pensare solo al bene di chi si ha accanto. Liberatevi dalle catene della routine quotidiana, la natura farà il resto.
    In bocca al lupo,
    Davide

  Post Precedente
Post Successivo