Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Per Natale la storia della Balena “52-hertz”, la più solitaria del mondo, in cerca di un lieto fine

Questa è una storia per chi si sente un po' speciale, direi unico. Ma non unico nel senso di irripetibile e strafigo, quei tipi non ci interessano. Unico perché ha una caratteristica, o anche più di una, che lo fanno sentire in qualche modo diverso dagli altri e dai valori "mainstream", senza ostentazioni, ma con profonda consapevolezza. 

E' una storia per cui vorrei che prima o poi ci fosse un lieto fine, anche se forse la sua capacità paradigmatica funziona meglio senza una chiusura. Insomma, questa è la storia di una balena che ha un nome, "52 Hertz", che deriva dalla frequenza a cui comunica con le altre. O meglio, cerca di comunicare. Perché le balene parlano a 15-25 hertz, e dunque a quella frequenza nessuno è in grado di sentirla e risponderle.

Credo che dopo il colibrì la balena sia il mio animale preferito (sono due opposti, ok), perché è enorme eppure galleggia, è goffa e canta, è tenera con i suoi cuccioli, fa squadra, ma è anche capace di lottare. E comunica a centinaia e centinaia di km negli oceani con i suoi simili semplicemente emettendo dei suoni, con cui trasmette informazioni su cibo, correnti e disponibilità a riprodursi, per quello che ora ne sanno i biologi marini. Fra l'altro, deriverebbe da una specie di grande cane primitivo che si è poi adattato all'acqua. 

Beh, Hertz 52 è unica: di lei si parlava fin dal 1989, di questa balena che veniva avvistata sempre, sempre da sola. Dal 1992 si è iniziato a registrare il suo particolare verso, grazie agli idrofoni della Marina statunitense che monitoravano la presenza di sottomarini. E il suo caso si è ufficialmente aperto. Vive nel Pacifico, e tracciandola con dei sonar speciali si è scoperto che si muove fra le isole Aleutine e l'arcipelago Kodiak, in Alaska, fino alla California. Si è ipotizzato che sia sorda, oppure che si tratti di un incrocio fra due specie diverse. Una risposta certa non c'è.
Ora un regista, il newyorchese Joshua Zeman, ha deciso di dedicare un documentario alla balena, "per farla sentire meno sola": i suoi progressi si possono seguire su Facebook, sulla pagina di "Finding 52", ma anche su Twitter e Tumblr. 

Volete provare ad il canto di Hertz52, per mettervi in contatto ideale con lei e raggiungerla nella sua unicità? Qui trovate alcune registrazioni del suo canto. Buon ascolto, e auguri a tutti.