Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

In Cina la bella parola “incorrotto” è il termine del 2015

Scrivendo un’analisi sulla moda nel 2016 per Italy24 ho trovato una notizia che mi piace condividere, e che è anche un augurio per il 2016, personale e pubblico.
Come ogni anno da dieci a questa parte, il centro cinese di monitoraggio e ricerca sulla lingua ha lanciato un sondaggio sul web, chiedendo ai cittadini di scegliere la parola dell’anno del 2015. Il primo posto se lo è guadagnato questo ideogramma 廉, che significa “incorrotto”. Ora, è certamente una conseguenza della politica di anticorruzione lanciata da Xi Jinping nel 2013, e che ha contribuito ad affliggere lo shopping di lusso, ma (forse) anche della sua interiorizzazione da parte dei cittadini. Mi piace, è una parola fresca, applicabile a vari ambiti, con la schiena dritta. Un’utopia pensare che possa diventare la parola del 2016 per l’Italia? Lo spero, lo auguro. Ne abbiamo bisogno.